FreeDOS e derivate – Viagra per muletti :-)

Nel titolo ho scritto muletti, ma come vedrete dalle caratteristiche sono più cadaveri che muli

Anche se parlare di DOS sembra strano alle porte del 2013, esiste ancora (per fortuna) chi tiene vivo questo sistema ed è, come vedrete, capace di essere ancora attuale per rivitalizzare vecchi 486 che prendono muffa nelle cantine .


FreeDOS è un sistema operativo compatibile al 100% col vecchio DOS, ma con svariate migliorie che lo rendono ancora attuale, tant’è che HP e Dell lo preinstallano su alcuni modelli.

Queste alcune delle sue feature:

  • Supporto LBA(> 528 MB sostituto del vecchio CHS del DOS) e FAT32
  • Si può mettere facilmente in multiboot con Windows 9x fino a NT 5.x
  • Supera il limite dei filename 8.3
  • Driver per lettori DVD
  • Supporto mouse e rotella di scrolling
  • Supporto APM completo
  • Una marea di software fra cui lettore multimediale, browser, e-mail client, editor di testo, antivirus, client torrent, etc
  • Aggiornamenti diretti dal server di FreeDOS
  • Completamente gratuito e open source

Requisiti minimi:

  • CPU – 386 e superiori
  • RAM – 2 MB
  • HDD – 40 MB

Quindi da veri e propri dinosauri a cui dare la…. pastiglina blu 😀 ma anche PC moderni (sia hardware reale che virtuale)

In questa pagina potrete scaricare la versione base CD, quella live o infine quella floppy per i PC più datati.

L’installazione è semplice:

Il video mostra una virtual machine ma all’atto pratico è la stessa cosa di hardware fisico , i passaggi sono quelli.

In quanto progetto open source gratuito è possibile per chiunque modificare i sorgenti per distribuire la propria distro (scusate il gioco di parole) personalizzata, ecco alcuni progetti interessanti basati su FreeDOS:

DOScore è una distribuzione basata su l’ultima release di FreeDOS ma integra una bellissima GUI, Aura M3.
Aura M3 sta a FreeDOS come Windows 3.1 stava al vecchio MS-DOS.

I requisiti sono ovviamente un pò superiori a FreeDOS “liscio”:

  • CPU: Pentium 1 e superiori
  • RAM: Installato 16mb – LiveCD 64mb
  • CDROM: IDE, SATA, USB
  • USB: UHCI (INTEL) FreeDOS native support from boot + DUSE
  • SOUND: AC97, Soundblaster, ICH7, ESS Audio, VIA.
  • VIDEO: Vesa 2.0 Compatible Video card
  • NETWORK: Onboard or PCI (SOME ISA CARDS SUPPORTED) basically the same support as barts disks.

 

14e

 

SkyFireOS utilizza invece OpenPine GUI come interfaccia.

Esiste in varie versioni:

  • Live CD
  • Native Windows (Si appoggia a DOSBox, 100% portable)
  • Game Edition

 

Ottima distro, utilizza oZone come GUI ed è davvero leggero (richiede un 386 minimo).
Può essere installato su hardware fisico, virtual machine o avviato da USB.
Nella sezione Download c’è anche un immagine per Virtualbox preconfigurata.

 

Concludo con Sage OS, distribuzione Indonesiana, con una GUI derivata da oZone (SaGUI).

Requisiti minimi:

  • CPU: 100Mhz
  • GPU: Una scheda video che supporti minimo 640×480 e 8 bit
  • RAM: 16 MB ma 64 raccomandati
  • HDD: 50 Mb di spazio (applicazioni extra richiedono ovviamente spazio maggiore)

😉

Annunci

Pubblicato il 17 febbraio 2013, in Sistemi Esotici, Sistemi operativi con tag , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: