Come riciclare hardware datato o inutilizzato – Parte 4/4

Quarta ed ultima parte della guida:

CAB ARCADE

Se siete appassionati di retrogame ed emulazione (come il sottoscritto) sapete già che nuova vita dare ai vostri componenti..

Premetto che in questo campo se ci si fa prendere la mano è facile spendere anche cifre considerevoli.

Non entrerò in ogni particolare perchè visto che il campo è molto vasto e la guida si estenderebbe oltre misura.

In rete ci sono tanti wiki, progetti e quant’altro per indirizzarvi al meglio.

Innanzitutto ci vuole il cabinet…. possiamo scegliere di acquistarne uno dai noleggiatori o nei mercatini (solitamente a cifre esigue se si tratta di cab anonimi) a cifre che si aggirano intorno ai 100€ spesso con scheda jamma all’interno, oppure costruirsene uno da soli, in internet si trovano tanti schemi con progetti personalizzati, cabinet magnum e persino mini cab.

In questo caso visto che si tratta di riutilizzare il più possibile vecchio hardware, tratterò un mini cab da tavolo autocostruito con monitor VGA CRT di recupero, in modo da semplificare il più possibile.

Ecco due esempi pescati in rete che rendono molto l’idea… tutto sta alla nostra fantasia.

Fissare direttamente i componenti all’interno del cab, con alcune accortezze, è la soluzione ideale per contenere lo spazio occupato e il calore prodotto.
Prestate attenzione all’aereazione del cab, mettete delle ventole di espulsione ad esempio.

Nel minicab l’ideale è un bel monitor CRT da 14-15″, occhio al supporto che reggerà il monitor, agli spessori (adeguati almeno 16 mm) e non ultimo il materiale (consiglio compensato multistrato).

Nel caso abbiate problemi ad alloggiare un CRT nel mini cab dovrete recuperare un vecchio LCD 15″ che ha peso e ingombri decisamente minori.

Per l’audio possiamo riciclare delle vecchie casse da auto collegate ad un ampli recuperato da casse PC.

Per interfacciare i tasti del joystick del cabinet con il PC si può utilizzare InterfASD che con una spesa contenuta (circa 30€) permette di collegare tastiera e cavi del joystick per configurare semplicemente il tutto.

Come sistemi operativi optiamo sempre per XP nLite e Lubuntu.

Per entrambi i sistemi ci sono una miriade di emulatori per praticamente ogni piattaforma hardware, consiglio (per gestirli al meglio nel cabinato) un frontend grafico.

Windows

Se le risorse hardware lo permettono è molto bello e coreografico GameEx.

Requisiti minimi:

  • Pentium 3 800Mhz CPU (o equivalente)
  • DirectX(DirectDraw) Scheda video compatibile, minimo 16 bit a 640X480.
  • DirectSound Compatible Sound Card.
  • 256MB Ram
  • Windows 2000 (SP4), XP (SP2), MCE, Vista, Windows 7
  • 250MB di spazio libero
  • Microsoft .net framework 2 service pack 1
  • Microsoft Direct X 9.0
  • Windows Media Player 9 o superiore

Se invece il vostro PC ha caratteristiche più limitate c’è l’ottimo SimpleFE, semplice e funzionale oppure EmuControlCenter.

Tutti i frontend supportano le roms compresse in formato 7z anche per gli emulatori che nativamente NON supportano tale estensione.

Linux

Sotto Linux ci sono svariate scelte, non quanto Windows, ma comunque molto software Windows riesce a girare nel sistema del pinguino grazie a Wine.

Consiglio Cabrio-FE oppure WAH!Cade, bella GUI e ben strutturato.

Infine qualche consiglio per limitare lo spazio su disco senza rinunce:

  • Comprimete tutte le roms in 7z piuttosto che ZIP, in questo modo le dimensioni totali dei romset calano di almeno un 30-40%…. e se questi sono tanti sono GB e GB guadagnati.
  • Dal MAME consiglio di rimuovere tutti i cloni (inutile avere lo stesso gioco con nomi o lingue diverse) e i giochi not working (inutile avere giochi con problemi, artefatti o che vanno in freeze).

Infine qualche links che vi aiuterà ulteriormente nella ricerca dei componenti del vostro cabinato:

Sito con molte info e altrettanti links utili alla costruzione del vostro cabinet.

Per la grafica del vostro cab:

Joystick e altro:

Altri links….

Come vedete quest’ultimo è un campo molto vasto, e io probabilmente sono stato molto sintetico e forse (spero di no) incompleto, ma la mia intenzione era di fare una guida sui vari utilizzi, ad entrare nel dettaglio di ogni singola cosa mi ci voleva una marea di tempo ulteriore… e forse era anche troppo lungo e pesante da leggere….

 

Ok ragazzi, direi a grandi linee di aver detto tutto, vi do gli ultimi consigli per ottimizzare il rendimento del muletto (nel caso faccia fatica):

  • Ottimizzazione del sistema operativo – nLite è ampiamente sufficiente nel caso di Windows mentre Lubuntu o anche distro più minimali sono delle piume
  • Overclock – Potete far salire la frequenza del procio via BIOS o alla peggio via OS…. Quanto e come salire dipende dal processore.
  • Ibernazione – Per velocizzare nettamente avvio e spegnimento della macchina.

Se dopo tutti questi suggerimenti  l’hardware comunque non ce la fa più… potete farvi un gioiello high tech😛

😉😀

Pubblicato il 17 febbraio 2013, in Computer, Hardware e tecnologie, Retro, Sistemi operativi, Software, Tweaking con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: