Velocizzare e ottimizzare i netbook

Un netbook è davvero comodo, dimensioni compatte, lunga autonomia, rumore e calore quasi nulli…. ma in fatto di prestazioni spesso lasciano a desiderare.

Qualcuno obbietterà che il target di questi portatili è un utilizzo molto semplice, ovvero navigazione web, e-mail, videoscrittura, etc. ma è possibile ottimizzarne le potenzialità per velocizzare il sistema a 360°.

Possiedo un eeePC 1011PX, non andava malissimo ma spesso la RAM di solo 1GB costituiva un collo di bottiglia non indifferente, per cui la prima cosa è stata acquistare un banco di RAM da 2GB di buona qualità, costa (attualmente) circa 10€ (DDR3).
La modifica è estremamente semplice, chiunque con un minimo di manualità può eseguirla in meno di 2 minuti, nel mio Asus c’è un apposito sportellino removibile dove vi è alloggiata il banco di RAM.
Questo video mostra come fare nell’eeePC:

L’altra grossa limitazione è (era) Windows 7 Starter.
E’ una versione di Seven estremamente castrata, eccone le differenze con le altre versioni:

Come vedete dalle immagini sono tante e limitanti.

Esiste un programma all’interno di 7 Starter, Windows Anytime Upgrade, permette l’aggiornamento diretto ad una versione di Seven superiore tramite l’introduzione di un apposito seriale.
Ad esempio l’aggiornamento alla Home Premium costa 74,99€.

La Starter vi sta stretta e non volete spendere ulteriore denaro per aggiornare a versioni superiori?
Potete richiedere il rimborso della licenza, questo è però possibile solo prima di accettare l’EULA di Microsoft e attivare Windows.

Come vedete la cifra per la Starter (13€ puliti) è piuttosto esigua ma basta per acquistare l’upgrade della RAM…. poco male, dai.

Ora con il netbook “vergine” si può passare ad una qualsiasi distro Linux, queste quelle che preferisco:

Se avete optato per questa scelta potete anche smettere di leggere, per chi invece vuole tenere comunque la propria Starter continui pure a leggere.

Come praticamente ogni sistema operativo preinstallato anche il vostro netbook ha molto software extra installato, che appesantisce complessivamente Windows rendendolo un piccolo pachiderma , si chiama in gergo crapware.

Si può rimuovere manualmente da Programmi e funzionalità, quindi tutte le demo di antivirus, toolbar varie, versioni di prova di Office, software proprietario del produttore, etc. oppure fare una rimozione più approfondita (incluso file sparsi nel disco) con Revo Uninstaller.

Ci vengono inoltre in aiuto svariati software:

Fatto questo consiglio una pulizia con Wise Disk Cleaner, che in maniera analoga al più noto CCleaner rimuove i junk files, non più necessari, liberando spazio prezioso nel disco.

Una pulizia e defrag del registro è importante per rimuovere chiavi non valide e ridurne le dimensioni. Consiglio Wise Registry Cleaner.

Facoltativo, infine, un defrag del disco rigido che potete tranquillamente fare con quello Microsoft.

Se non siamo ancora soddisfatti possiamo agire più in profondità, nei servizi di Windows.
Premete Win+R e digitate services.msc, si aprirà l’elenco dei servizi.

Ora si tratta di sapere cosa eliminare perchè ogni processo può non servire a qualcuno e essere importante per altri, quindi mi limito a dire solo quelli più “succhia risorse”:

  • Spooler di stampa (Ovviamente se non utilizzate stampanti reali o virtuali)
  • Windows Defender – (Basta mettere un buon antivirus gratuito, ad esempio Avira)
  • Windows Firewall – (Se si utilizza un firewall alternativo come Comodo ICS)
  • Ora di Windows
  • Registro di sistema remoto
  • Windows Backup – (Consiglio vivamente un software esterno più modulabile e potente, tipo Acronis True Image)
  • Windows Search – (Meglio utilizzare Everything, leggero, standalone e più veloce)

Chiuso il capitolo Servizi, finisco con gli ultimi consigli.

1) Imparate a spegnere il computer tramite ibernazione, il computer è spento a tutti gli effetti (salva la sessione sul disco rigido) ma la velocità di avvio e spegnimento è nettamente superiore (il mio eeePC è operativo in 15 secondi circa contro i circa 40 dell’avvio a freddo).

2) Consiglio di impostare gli aggiornamenti di Windows Update in manuale per decidere cosa e quando installarlo, evitando che gli aggiornamenti lavorino in background occupando risorse e banda.

3) Chiudo con un ultimo suggerimento se avete qualche euro da spendere: Cambiate il vostro disco rigido con un SSD (80€ circa per 128GB), la velocità di avvio, spegnimento, reattività generale del sistema (apertura programmi, copia file) sarà nettamente maggiore.
Inoltre si azzererà completamente il tipico rumore degli hard disk meccanici in quanto non ha elementi in movimento… Diminuiscono anche (in minima parte) i consumi energetici.

Overclock? Chi ha detto overclock? 😀  No dai, per adesso mi fermo quì.

Annunci

Pubblicato il 16 febbraio 2013 su Hardware e tecnologie, Sistemi operativi, Tweaking. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: